Sul tempo

"Che cos’è dunque il tempo? Quando nessuno me lo chiede, lo so; ma se qualcuno me lo chiede e voglio spiegarglielo, non lo so". (Agostino di Ippona, Confessiones, IX, 14, 17)
Nel nostro primo PhiloTè affronteremo il tema del tempo in tutte le sue accezioni e in tutte le interpretazioni che ciascuno di noi vorrà condividere.
Da sempre l'uomo è affascinato dal mistero del tempo. Le prime riflessioni sulla sua natura rivelano ansia e confusione. Gran parte della filosofia greca ha cercato di attribuire un senso al concetto di eternità in opposizione a quello di transitorietà. Il concetto di tempo si trova al centro di tutte le religioni del mondo ed è stata per secoli fonte di innumerevoli conflitti. Nella moderna società occidentale, dove il tempo è denaro, tutto è soggetto alla tirannia dell'orologio. La nostra febbrile esistenza è saldamente incatenata al ritmo del tempo. Siamo schiavi del nostro passato e ostaggi del futuro. Ma è sempre stato così? Nella filosofia il tempo è la dimensione nella quale si concepisce e si misura il trascorrere degli eventi. Nella fisica il tempo è una delle grandezze fondamentali. Nella vita quotidiana il "nostro tempo" coincide con nostra vita di cui ci sfugge il controllo sia quanto all'inizio che al termine. Quanto domande, allora, possiamo porci e condividere? Sarà interessante confrontarci su quali sono i principali interrogativi che emergono quando ci fermiamo (illusoriamente!) a pensare al tempo, su quale relazione intrattieniamo con il concetto di tempo e su come questa influenza la nostra visione del mondo ma anche la nostra vita di tutti i giorni.
Il mistero del tempo sarà al centro delle  riflessioni che ci piacerà fare insieme il 25 gennaio prossimo dalle 18,30 alle 20,30 sorseggiando dell'ottimo tè nella bella atmosfera di Fiorditè in via Raffaele De Cesare 98. L'ingresso è libero, ti aspettiamo!

A cura di: Myriam Ines Giangiacomo

Associati per sostenere
la nostra visione

Basta un click